home contatti laboratori mostre pubblicazioni ricerca link

DialoQUI

Antonella De Nisco, Boretto Brescello Gualtieri Guastalla Luzzara Reggiolo

…un dialogo tra le persone, lo spazio, le cose nella ricerca di una reciproca comprensione di pace…
Affacciati alla finestra e porta il tuo sguardo oltre i limiti del muro, osserva gli alberi che si stagliano sulla linea d’orizzonte: verticale – orizzontale. Cielo e terra s’incontrano. Maschile e femminile s’intrecciano. Spirito e materia si con-fondono. Tutto ciò che è in rapporto complementare tende all’unità, nulla può sfuggire a questa legge.


DialoQui nasce nella primavera del 2003 a Felino (Parma). Anna e Luigi mi invitano ad effettuare un’ installazione ambientale alla Padovana per la festa di Natura e vita. Sul luogo, mentre passeggio con Giorgio e gli altri, lungo il filare di gelsi, rifletto su questa indifesa e poetica archeologia rurale in via d’ estinzione. I gelsi fieri e deboli, saggi e dimenticati, attendono pacifici e armati di sola bellezza la voce di qualche amico della natura che li difenda. Il luogo è intenso, riconciliante. Mentre continuo a camminare comincio a tessere leggere visioni di oggetti dialoganti, oscillanti intrecci vegetali, catene biodegradabili formate da piccole potature vegetali, segni tessili che invadono pacificamente lo spazio. Dialoghi tra I gelsi non è stato un intervento effimero, una semplice giornata/festa con uno dei miei tanti laboratori aperto a tutta la cittadinanza ma una presenza/testimonianza concreta sul territorio. E da quel punto di incontro che partono e si diffondono altalene/amache come armoniose forme in cui la mente umana organizza i dati dell’esperienza sensibile. E i DialoQui continuano e si evolvono grazie anche a Paola che crede nel valore sperimentale dei miei laboratori e così dai comuni della bassa l’occasione di partire ad intrecciare idealmente il mondo. Mentre percorro le lunghe strade che mi portano alle scuole sento il mondo che intorno a me dialoga piano, con discrezione, dentro il verde dorato della primavera. Rallento e guardo le grandi case della pianura che sembrano sole ma invece si cercano l’un l’altra. Insieme agli abitanti di questi luoghi e alle loro mani lancio e collego fili che si intrecciano tra le cose, I paesi, le panche, le città e idealmente gli intrecci passano I muri attraversano I cieli giungono sui campanili. Organizzo un’operazione reale, concettuale e fantastica di land art dove avvengono scambi con il vento, le parole, l’emozione, I materiali, gli sguardi dentro ad un grande sogno collettivo di pace.
Shop
Antonella De Nisco . home . biografia completa . contatti

webmaster: MUnUds www.barramunuds.net ~ multimedia 'n web pubblication